Game Community Network

  

 

 

"In verità vi dico: se non vi convertirete e non diventerete come i bambini, non entrerete nel regno dei cieli." Matteo 18, 3

In Internet si può trovare un buon numero di siti web per "videogiocatori cristiani". Le forme e le modalità con cui appassionati di videogiochi non disdegnano di proclamare la loro fede sono molteplici; in questi siti, talvolta, sono presenti anche dei forum. Se qualcuno di voi, però, provasse a fare una ricerca, noterebbe che quasi tutti sono in lingua inglese. Per quanto riguarda il panorama videoludico italiano, infatti, ben pochi giocatori amano definirsi pubblicamente "Cristiani". Anzi, la maggior parte dei "profili" di un buon numero di appassionati di videogiochi, si compiace di tematiche appartenenti al "lato oscuro", con simboli, frasi, citazioni, modi d'esprimersi, etc. Questo è sotto gli occhi di tutti. Perché, dunque, un giocatore non può essere felice di dirsi "Cristiano"? Game Community tenterà di fare qualcosa in merito, nel suo piccolo. È infatti in preparazione il sito GC = Gesù Cristo, che sarà un social network per videogiocatori Cristiani. Gesù è il Signore! Lode e gloria a Te, Signore Gesù!

 

Menù principale





Piattaforme: PC, Mac, Linux

Sviluppatore: Long Division LLC

Genere: Azione, avventura

Data di uscita: 15 Dicembre 2015

Modalità: Single player

Supporto per il controller: Sì

Realizzato dal team formato da un uomo solo di Anthony Nichols, Long Division LLC, Turnover si concentra su una dipendente di una società operante nell'ambito della difesa, chiamata Clea, ed è ambientato in un futuro distopico dopo l'invasione dell'Iraq da parte delle forze americane. Tre imprese, in particolare, sono le principali titolari di contratti stipulati con il governo in quella che gli analisti politici ritengono essere l'alba dello Stato di Sicurezza: Bartleby Automation, Grand Robotics ed Armament Inc.

L'apertura di Turnover mi ha subito agganciato, ed ero curioso di sapere cosa sarebbe accaduto nella storia confinata di Clea e nelle sue vicissitudini esterne nel resto del Paese. Clea entra nella storia dopo che Bartleby Automation e Grand Robotics entrano in trattativa per una fusione che alla fine si rompe. Grand Robotics, in seguito, ingaggia una ditta di sicurezza per abbattere la sede principale di Bartleby Automation, e qui è dove inizia il gioco.

Il giocatore controlla Clea che, dopo essere stata intervistata da una fonte sconosciuta, si avvia fuori nel 16° piano della sede di Bartleby Automation. I giocatori noteranno subito i cadaveri dei collaboratori e degli schizzi di sangue in tutto l'ufficio, mentre i killer prezzolati vanno in cerca dei sopravvissuti. La narrazione ambientale mi ha subito colpito, mentre trascorrevo qualche minuto ad esplorare ogni angolo del piano per racimolare quante più informazioni possibili su quello che era successo, come potevo.

Il gameplay di Turnover è costituito principalmente da azioni furtive, dato che si cerca di farsi strada fra guardie, cani, telecamere e simili per raggiungere l'ascensore al lato opposto dell'edificio. I giocatori sono in grado di distrarre le guardie lanciando delle bottiglie o allontanandosi, se siete abbastanza veloci, il che funziona bene in un semplice gioco stealth. Le guardie nemiche hanno una visuale nella forma di "coni visivi" e bisogna aspettare a muoversi finché non si spostano; a volte mi sono trovato ad aspettare più a lungo di quanto avrei dovuto solo per sfrecciare in un corridoio ed in un'altra stanza. Inoltre, il fonometro aggiunge ulteriore difficoltà, dato che a volte il giocatore non avrà alcuna possibilità di scappare dalle guardie. I cani da guardia rendono il tutto ancora più difficile in quanto sono super attenti, anche se possono essere respinti con la pressione di un tasto, similmente a quanto avviene in Hotline Miami. Giochi come Hotline Miami permettono ai giocatori di combattere realmente all'indietro, e sarebbe bello poter fare lo stesso in Turnover. Oltre ai cani, mi sarebbe piaciuto vedere altre variazioni in questo gioco, per manterere una sensazione di novità. Un'altra cosa a cui dovete prestare attenzione sono i frammenti di vetro sparsi qua e là, nonché altri oggetti sparsi per la mappa che faranno aumentare la vostra rumorosità. Gli ambienti sono costruiti bene ed i giocatori sono in grado di aumentare la loro capacità di resistenza, utile per scappare dai pericoli, ed altre abilità, mediante la ricerca di oggetti da raccogliere in tutto il gioco.

Il filo conduttore del gioco è essenzialmente una trama dallo stile "gatto contro topo". Quando si entra in nuovi settori si vuole controllare subito il radar, ed anche spostarci sopra il mouse per vedere le esatte posizioni dei nemici ed i loro percorsi predeterminati, il che è importante se mai aveste intenzione di fare una corsa senza fermarvi, come ho cercato di fare molte volte. Questo costante aspetto di puzzle solving, in tutto il gameplay dal nucleo stealth, aggiunge un nuovo livello di complessità al gioco, e ti costringe a pensare alla tua prossima mossa e pianificare metodicamente la maniera per arrivare all'area successiva. Mentre si procede nel gioco, tutto quello che si nota è un'impressionante grafica in stile 8 bit, effetti sonori puliti ed un generale tono inquietante.

Turnover raggiunge bene lo scopo di mantenere impegnato il giocatore in un'interessante trama e gameplay; anche se semplice e talvolta un po' ingiusto, è divertente in tutto. Mi sono goduto la mia programmazione per correre e fuggire alla perfezione, oppure non averlo fatto immediatamente ed aver dovuto escogitare un nuovo piano. Turnover eccelle anche nel comparto audio e video, con effetti sonori brillanti che catturano lo stato d'animo del personaggio, e nella significativa narrazione ambientale, similmente alla capacità che hanno di fare questo giochi come Bioshock, che raccontano storie basandosi esclusivamente sull'aspetto artistico. Una maggiore varietà di tipi di nemici e di gadget a disposizione del giocatore sarebbe stata il massimo, in un gioco stealth già comunque solido.

Fonte: cogconnected.com

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Cortesemente, effettua il login o registrati per postare commenti.



Condividi questa pagina di GC Recensioni

Submit to DeliciousSubmit to DiggSubmit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to StumbleuponSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn