Game Community Network

  

 

 

"In verità vi dico: se non vi convertirete e non diventerete come i bambini, non entrerete nel regno dei cieli." Matteo 18, 3

In Internet si può trovare un buon numero di siti web per "videogiocatori cristiani". Le forme e le modalità con cui appassionati di videogiochi non disdegnano di proclamare la loro fede sono molteplici; in questi siti, talvolta, sono presenti anche dei forum. Se qualcuno di voi, però, provasse a fare una ricerca, noterebbe che quasi tutti sono in lingua inglese. Per quanto riguarda il panorama videoludico italiano, infatti, ben pochi giocatori amano definirsi pubblicamente "Cristiani". Anzi, la maggior parte dei "profili" di un buon numero di appassionati di videogiochi, si compiace di tematiche appartenenti al "lato oscuro", con simboli, frasi, citazioni, modi d'esprimersi, etc. Questo è sotto gli occhi di tutti. Perché, dunque, un giocatore non può essere felice di dirsi "Cristiano"? Game Community tenterà di fare qualcosa in merito, nel suo piccolo. È infatti in preparazione il sito GC = Gesù Cristo, che sarà un social network per videogiocatori Cristiani. Gesù è il Signore! Lode e gloria a Te, Signore Gesù!

 

Menù principale


Piattaforma: PC

Sviluppatore: Boneloaf

Genere: Casual, beat 'em up

Data di uscita: 29 Agosto 2014

Modalità: Single player, multiplayer, coop

Supporto per il controller: Sì

Secondo il sito web di Gang Beasts, lo sviluppatore Boneloaf aveva inizialmente cercato di realizzare un discendente dei picchiaduro a scorrimento laterale come Final Fight, Streets of Rage e Golden Axe. Essendo cresciuto con questi giochi, quest'affermazione mi aveva colpito. Tuttavia, giocare a Gang Beasts in Early Access non mi ha ricordato le molte ore felici che avevo trascorso in compagnia di Cody, Haggar, Axel ed un tizio che sembrava Conan.

Gang Beasts è più simile ad un dopo-festa in stile Jeremy Kyle, con degli alcolisti cinquantenni che procedono a tentoni su una strada, nel corso di una lotta in cui gli atti di aggressione di successo sono meno importanti della capacità di base di sopravvivenza. Niente di tutto ciò è una cosa brutta, almeno all'inizio. Tu e un massimo di altri sette giocatori controllate un piccolo cuscino di gelatina arrabbiato, ed il vostro compito è quello di superare gli avversari con dei possenti pugni, per poi smaltirli in una delle tante cose pericolose che ci sono in ogni livello. In genere si raggiunge tale scopo mettendo il nemico in un breve stato di KO, per poi sollevarlo sopra le vostre teste e gettarlo da un precipizio, o fra le fauci di macchinari industriali, dove verrà spremuto nel dimenticatoio.

Questo potrebbe essere comunque divertente, ma l'aspetto che non va bene in Gang Beasts riguarda i controlli. Avete il controllo individuale delle mani, che potete usare per assestare dei jab agli altri giocatori, mentre tenendo schiacciati i pulsanti è possibile afferrare le cose. Un altro pulsante vi permette di sollevare le braccia sopra la testa come fa Daniel in The Karate Kid. Un altro vi fa buttare a terra i nemici. Tutti questi controlli sono sciatti e ritardati, il che significa che anche le strategie offensive più elementari vengono alterate da imprecisioni, lasciandovi andare a tentoni in cerca di opportunità per sopravvivere.

Si inizia con l'attaccare il vostro avversario più vicino, facendolo barcollare a suon di pugni verso l'esterno, come se fosse legato con una corda e qualcuno lo stesse strattonando dall'altro capo del filo, ma riuscirete a colpirlo solo di striscio. Il vostro avversario, spesso, farà lo stesso. La lotta può quindi prendere due andamenti. Se si rimane isolati, probabilmente sarete come catturati dall'acqua di una piscina, rimanendo bloccati in un vortice d'incapacità. Se in qualche modo il vostro avversario va giù, cercherà di rialzarsi; in questo caso vi esorto a spingerlo verso la ringhiera pericolosa più vicina, anche se probabilmente riprenderà coscienza e si reggerà attaccandosi a qualcosa. Tutto ciò sembra l'equivalente in chiave gladiatoria di una romantica conversazione telefonica fra adolescenti, dove nessuna delle due parti vuole riagganciare.

Un'altra persona potrebbe mettersi in gioco, e questo può complicare le cose. In questo caso, le cose si evolvono rapidamente in una specie di ring per wrestling, dove l'obiettivo è quello di spingere gli altri giocatori oltre la terza corda, ma ogni volta che qualcuno avanza il combattente si risveglia e sabota il tentativo. Non importa quanto vengano picchiati, i giocatori espulsi a metà riescono spesso a ritornare traballanti nella mischia. Ci sono effetti sonori e così via, ma la colonna sonora generale di Gang Beasts è il rumore delle persone che fischiano con piacere ogni volta che ci sono questi capovolgimenti.

A volte la rissa finisce, e si esplora semplicemente il livello. I nove livelli attualmente disponibili variano molto in complessità e tema, che si integrano perfettamente con il gameplay da ubriachi. Si combatte su una finestra sul lato di un grattacielo . ci si può staccare dal palazzo? Si combatte sopra un camion che corre lungo una superstrada - si può saltare fra i veicoli? Si combatte in una stazione della metropolitana fra treni che superano i limiti di velocità - si può passare sotto di essi? Si combatte fra tritacarne, inceneritori e ventilatori giganti. Probabilmente l'unico disastro è un ring per il pugilato. Il punto più alto, letteralmente, è una ruota panoramica alla fine di un molo. Il tentativo di vincere, spesso, sembra meno importante di cercare di scalare le cose o vedere se si può attraversare una porta o salire su una barriera.

Non ci sono ancora molte opzioni, dato che si tratta di un gioco in Early Access. È possibile cambiare un po' i costumi ed il numero di giocatori, ma i controlli non si possono ancora rimappare e l'interfaccia può essere un po' capricciosa e poco intuitiva. C'è solo una modalità di gioco, la sopravvivenza, anche se gli sviluppatori vogliono aggiungere un tutorial, una modalità single player, una multiplayer ed altro ancora. Il gioco online sembra un sogno lontano.

L'ultimo aggiornamento modifica il comportamento dei ventilatori giganti, che non ci aspettavamo, ossia che si possono spegnere per essere scalati. Gli sviluppatori hanno affermato: "Abbiamo reso disponibile Gang Beasts mediante Steam Early Access per finanziare lo sviluppo del gioco completo, e per costruire una comunità che sia direttamente coinvolta nell'informazione riguardo al gioco e nella sua produzione."

Se c'è una critica che si può fare a Gang Beasts, è che dopo un'ora o giù di lì di risate, questo tipo di attività arriva alla fine. L'emozione iniziale riguardo ai vostri ansanti avatar gelatinosi svanisce un po', lasciandovi andare in giro per gli ambienti, per vedere se la fisica delle cose ha qualcosa con cui sorprendervi. Ovviamente Gang Beasts è un gioco in Early Access, quindi dovrebbero arrivare parecchie cose, e solo il tempo potrà dire quale sarà l'aspetto finale del gioco. Potrebbe essere aggiunta ogni sorta di cose: trappole, oggetti di scena, mosse speciali ed altro. Speriamo che tutto ciò arrivi, oppure altre cose frutto di idee migliori. Nel frattempo, Gang Beasts è buono per la sua caratteristica di essere estremamente divertente, dopo di che non resta che sperare nel flusso di aggiornamenti continui, che daranno più cose con cui lottare nei giorni di festa a venire. Qui c'è una brillante scintilla di divertimento, ma non abbastanza per far accendere un fuoco. Prima di saperlo tornerete a TowerFall Ascension, anche se avrete un sacco di ricordi felici a tenervi compagnia.

Fonte: eurogamer.net

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Cortesemente, effettua il login o registrati per postare commenti.


Condividi questa pagina di GC Recensioni

Submit to DeliciousSubmit to DiggSubmit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to StumbleuponSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn