Piattaforme: PC (07/12/2015) - PS4, Xbox One (5 Aprile 2016)

Sviluppatore: Codemasters

Genere: Corse

Data di uscita: 7 Dicembre 2015

Modalità: Single player, multiplayer

Supporto per il controller: Sì

Posso sentire la ghiaia che scricchiola sulla strada sterrata, sotto le ruote della mia Subaru Impreza, la trazione ridotta e la lotta con lo sterzo per mantenere l'auto al centro della strada. Posso sentire il mio co-pilota che mi dice che ci sarà una svolta a destra ma, nella mia concentrazione calante, non ho capito se sarà di tipo due o tre. Spingo la macchina in curva, rendendomi conto troppo tardi che sto andando troppo veloce; sento uno schianto provenire dalla parte posteriore della macchina, come di qualcosa che si stacca e cade. Tutto quello che posso fare è augurarmi che non sia importante! Sì, questo è Dirt Rally, ed è fatto molto bene.

Per molto tempo, uno dei miei preferiti è stato il simulatore Mobil 1 Rally Championship per PC. Lo ho ancora su CD e, anche se è stato pubblicato più di sedici anni fa, è ancora un gioco impressionante, con i suoi percorsi realizzati su base reale e le texture da fotografia aerea, con un modello di danni convincente e punitivo. È a questo gioco che ho pensato subito, giocando al simulatore di Codemasters recentemente rilasciato, Dirt Rally.

È passato molto tempo da quando ho giocato ad un simulatore impegnativo come questo e, per non sbagliare, Dirt Rally è un gioco super impegnativo. Dopo essere passata dai confini dell'arcade con la sua serie Dirt, Codemasters ha portato le cose nel regno dell'hardcore. Punizioni, condizioni meteorologiche realistiche e danni sono comuni in questo gioco, come le piste prese dal mondo reale (anche se con lievi modifiche in alcuni posti). Tutto ciò conferisce al gioco un senso di autenticità. È probabile che non guiderò una macchina ad alta velocità, anche se dovessi presto andare in un bosco gallese nella vita reale, ma questo gioco mi dà un'idea di quello che potrei provare. In una parola, terrificante.

Non posso fare a meno di stringere i denti durante la corsa. Quando le condizioni meteorologiche sono, diciamo, inclementi, posso quasi sentire le mie dita scavare nella plastica del mio controller, come quando mi trovo su strade ghiacciate o a capofitto nel buio o nella nebbia. Si tratta di una meravigliosa esperienza, accresciuta dalla sua presentazione audiovisiva. Anche se non è brillante come altri giochi di corse dell'attuale generazione, come Driveclub, Forza 6 o Project Cars, Dirt Rally ha un senso grintoso di realismo che è ridotto solo quando sono desuto sulla linea di partenza a guardare i personaggi umani, che francamente sono resi in una maniera terribile. Durante la guida, tuttavia, l'esperienza è inquietante. Le vetture si sentono tutte a posto, come la Mini 1960, e le auto più moderne che sono solide, lisce e veloci in maniera sconcertante. I danni sono realistici, con la carrozzeria che si deforma e le parti che si staccano come ci si aspetterebbe; una volta ho finito una gara dopo aver perso uno pneumatico, ed è stata un'esperienza divertente (o no?). Si prova affaticamento per il costante senso di pericolo imminente, quando una mossa sbagliata può costare secondi preziosi o anche l'intera gara, e questo fa mantenere la concentrazione.

Strutturalmente, le modalità di gioco di Dirt Rally hanno un approccio alquanto semplicistico. In modalità single player c'è una campagna che è probabilmente la parte più impegnativa del gioco. Qui si inizia con l'acquisto di un auto a buon mercato di fascia bassa, e con la formazione di una squadra tecnica, assumendo degli ingegneri per fissare le specifiche della vostra auto. Ogni tappa della stagione si basa su quattro gare, ma i principianti devono fare attenzione, perché qualsiasi danno provocato in una corsa si protrarrà per il resto della stagione, con una sola occasione per riparare la vostra auto. Qui è possibile ottenere i valori tecnici per sistemare le cose, a scapito di un tempo di ritardo nella gara successiva. Ovviamente, più ingegneri si hanno a disposizione e più sono esperti, più le vostre riparazioni saranno effettuate in maniera veloce. È possibile guadagnare dei soldi completando le corse, che potranno essere utilizzati per acquistare veicoli diversi e noleggiare un equipaggiamento differente, così come per cambiare i membri dell'equipaggio, il che contribuisce a migliorare le prestazioni della vostra auto attraverso lo sviluppo di specifici aggiornamenti. Si aggiunge una dinamica unica, che non ho sperimentato nei giochi di rally del passato, e che ti fa pensare in maniera globale ad una stagione, e non solo alle singole corse.

Oltre alla campagna, è possibile scegliere di partecipare ad una gara singola, ed anche a stagioni complete, in base ad una selezione di percorsi e condizioni diverse. In questa modalità si hanno tutti i veicoli sbloccati e pronti per giocare, il che significa che è possibile provare le vetture di fascia più alta non appena si avvia il gioco. È fantastico per fare pratica e, dal momento che la posta in gioco è inferiore rispetto a quella della campagna, mi sono trovato a pescare con l'amo in questo tipo di gioco, solo per correre con veicoli diversi e per guardare le imponenti simulazioni climatiche.

Oltre alla modalità standard Rally, c'è anche la sfida Pikes Peak Hill Climb, che si può giocare su un'intera pista di dodici miglia o in fasi più brevi. Qui si guida senza l'aiuto di un co-pilota ed è ancora più terrificante della modalità Rally standard, con la cura e la concentrazione che devono essere messe ad ogni svolta. A completare le modalità di gioco, c'è la Rally Cross, un testa a testa fra auto da rally. Questa modalità è divertente, ma impegnativa, con la vostra auto che viene buttata su percorsi dal terreno scivoloso e sconnesso, mentre si ricevono raffiche di vento. Dal momento che si gioca per la posizione, c'è sempre l'urgenza di prendere le cose un po' più incautamente rispetto alla modalità Rally standard.

Per quanto riguarda l'aspetto online, c'è una serie di sfide settimanali e giornaliere, che pongono i giocatori in una classifica asincrona. Questa è una grande caratteristica dei giochi moderni, per mezzo della quale si può competere senza dover interagire direttamente online, ma purtroppo, nella maggior parte dei casi, Dirt Rally basa la partecipazione a questa modalità sulle auto che si sono acquistate durante la campagna. Anche se c'è una serie di sfide che si aprono con una selezione di veicoli diversi, se non avete la macchina in garage non si può partecipare alla maggior parte di esse. C'è anche il PvP online, sotto forma del suddetto Rally Cross.

Ho già parlato della grafica del gioco, ma dovrebbe anche essere detto che funziona molto bene. Sto usando un PC di fascia media di più di due anni, con una scheda grafica abbastanza economica. Dopo aver installato il gioco ho messo le impostazioni fino a Ultra e questo titolo è stato giocabile, anche se il frame-rate era incoerente, fra i 40 e i 60 FPS. Per le prime gare ho impostato la grafica su Alto per ottenere un frame-rate più consistente, prima di immergermi nel pannello di controllo GeForce ed effettuare delle ottimizzazioni, grazie alle quali ho ottenuto una grande grafica e delle grandi prestazioni, con occasionali problemi di frame-rate. Il gioco, però, non è andato in crash.

Dirt Rally è un eccellente ritorno ai simulatori di corse, in un mondo videoludico che negli ultimi anni si è sbilanciato verso prodotti che devi solo finire. La ricca selezione di gare e di veicoli fornisce una buona dose di sfida, esaltata dalla guida realistica, dalla meccanica dei danneggiamenti e da una modalità carriera stimolante. Se ti piacciono i giochi di corse, Dirt Rally è un must da possedere. Be', se avete un PC. Se siete dei proprietari di PS4 o Xbox One, per una volta, dovrete aspettare fino al prossimo anno.

Fonte: nextgengamingblog.com

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Condividi questa pagina di GC Recensioni

Submit to DiggSubmit to Stumbleupon

Questo sito utilizza i cookie per il suo funzionamento

Acconsento all'utilizzo dei cookie

Approvo