Game Community Network

  

 

 

"In verità vi dico: se non vi convertirete e non diventerete come i bambini, non entrerete nel regno dei cieli." Matteo 18, 3

In Internet si può trovare un buon numero di siti web per "videogiocatori cristiani". Le forme e le modalità con cui appassionati di videogiochi non disdegnano di proclamare la loro fede sono molteplici; in questi siti, talvolta, sono presenti anche dei forum. Se qualcuno di voi, però, provasse a fare una ricerca, noterebbe che quasi tutti sono in lingua inglese. Per quanto riguarda il panorama videoludico italiano, infatti, ben pochi giocatori amano definirsi pubblicamente "Cristiani". Anzi, la maggior parte dei "profili" di un buon numero di appassionati di videogiochi, si compiace di tematiche appartenenti al "lato oscuro", con simboli, frasi, citazioni, modi d'esprimersi, etc. Questo è sotto gli occhi di tutti. Perché, dunque, un giocatore non può essere felice di dirsi "Cristiano"? Game Community tenterà di fare qualcosa in merito, nel suo piccolo. È infatti in preparazione il sito GC = Gesù Cristo, che sarà un social network per videogiocatori Cristiani. Gesù è il Signore! Lode e gloria a Te, Signore Gesù!

 

Menù principale


Piattaforma: PC

Sviluppatore: Varkian Empire

Genere: Corse, azione

Data di uscita: 24 Febbraio 2016

Modalità: Single player, multiplayer, coop

Supporto per il controller: Sì

Se l'idea di gareggiare con degli alieni ossessionati che hanno conquistato la Terra e l'hanno trasformata in una gigante pista da corse ti suona un po' strana, si può essere sicuri di due cose: in primo luogo non hai mai giocato a Diddy Kong Racing e, in secondo luogo, è da molto che non hai giocato una sessione di gioco sul divano in co-op. Avvia Obliteracers e parte la rissa.

Obliteracers non è solo un gioco altamente competitivo con alcune delle più belle piste per corse futuristiche su cui si possano posare gli occhi, ma è il gioco multiplayer di corse con stile da cartone animato definitivo, di cui avevamo il desiderio. Solo un breve sguardo alla storia dei giochi di corse con i kart rivela fino a che punto il genere sia arrivato, dalle sue radici in 2D. Dopo il grande successo Super Mario Kart, ha cominciato ad emergere un graduale miglioramento per quanto riguarda la meccanica da corsa con i kart e l'estetica, e forse ancor più, in particolare, per il passaggio ad una grafica in 3D semplificata. Anche se la serie di Mario Kart domina gran parte del mercato, giochi come Sonic & All Stars Racer Transformed e LittleBigPlanet Karting hanno lasciato il segno, suggerendo che i giocatori erano assetati di qualcosa di nuovo e sconosciuto. Qualcosa al di fuori di questo mondo.

Ambientato in un futuro non troppo lontano, ossia il 3015 AD, Obliteracers sorge dalle ceneri dei classici per prendere un suo posto nella storia dei go-kart. Quando la telecamera attraversa bellissimi panorami e degli alieni brutali e simpatici fanno rombare i loro motori, una familiare sensazione di eccitazione vi attraversa. Il corso intensivo del tutorial vi insegna i comandi di base, prima che le luci diventino verdi, ma il più grande insegnante, naturalmente, è la corsa in sé. Questo diventa immediatamente evidente, ed è qui che Obliteracers non è una rigorosa esperienza in stile gran premio, che richiede ai giocatori di completare tre giri di un circuito. Non vi è alcun ticchettio di timer in sottofondo. Invece, ci viene offerto un nuovo stile di corsa, che sottolinea la caratteristica speciale di un caos esilarante ed esplosivo, che viene suddiviso nelle opzioni carriera e scontro. La carriera è fornita di diverse modalità, come quella ad eliminazione diretta, dove l'obiettivo è quello di segnare punti, eliminando gli altri giocatori in vista, ed arrivare primi e l'ultima delle vostre preoccupazioni.

Nel corso della gara si trovano dei potenziamenti per le armi che è possibile utilizzare per colpire i vostri avversari, come succedeva con le stelle ed i gusci di tartaruga in Mario Kart 64, ma questa volta avete a disposizione granate, proiettili, mine a prossimità ed aloni elettrici, per scatenare la ricetta perfetta per la distruzione totale. La modalità Leader è di gran lunga la cosa più vicina a quello che vogliono i puristi delle corse, dal momento che essa dà punti al giocatore che rimane in testa il più a lungo possibile, ma evita ancora la struttura del gioco di corse tradizionale. Mantenere il vantaggio è reso complesso per via di tutti gli altri piloti in gara (che possono arrivare fino a 15), che non esiteranno a sparare mille proiettili contro di voi o colpire il vostro veicolo come degli arieti, per farvi cadere a spirale da un dirupo nelle vicinanze. E' un mondo cane mangia cane.

Fortunatamente, si ha uno scudo che non solo può deviare gli attacchi degli avversari e proteggervi dai rischi ambientali come le bombe, ma anche riparare il veicolo se si guida attraverso i potenziamenti delle armi mentre è attivato. Si tratta di un sistema incredibilmente buono, con l'unico problema che l'utilizzo dello scudo dissipa automaticamente qualsiasi power-up per le armi memorizzato. La modalità Endurance alza l'asticella, consentendo ai corridori eliminati di riapparire continuamente e di continuare la carneficina, mentre la modalità di sopravvivenza offre qualche sollievo in quanto i corridori eliminati non possono più riapparire, portando il tutto ad un ritmo più lento in generale. L'influenza di Micro Machines è chiaramente tangibile, ed il gameplay in stile battaglia pesante di Obliteracers si sente meravigliosamente nuovo.

Un altro aspetto apprezzabile di Obliteracers è l'intelligente e flessibile progettazione del gioco, che permette ai giocatori di manovrare il proprio personaggio utilizzando la tastiera, il controller o gamepad, ed anche i propri smartphone. La tastiera offre il movimento preciso tipico dei giochi per PC, ma per avere la classica sensazione da console si può usare il gamepad (io ho usato un controller per Xbox 360). Il movimento è un po' più scivoloso rispetto a qualcosa di simile a Mario Kart 7. Ci vuole un po' per abituarsi, e avolte questo rende piuttosto facile cadere fuori dalla pista molto rapidamente; la curva di apprendimento è moderatamente elevata, il che può tradursi in frustrazione. Tuttavia, è la stessa qualità che rende Obliteracers un rischio e una ricompensa, che sono al centro di un gioco che è molto divertente da giocare, da soli o in gruppo. L'intersezione fra i dispositivi mobili ed i PC da gioco si ha mediante lo smartphone, il che è un'impresa incredibile della tecnologia; quest'ultimo funziona come un controller, con l'unica condizione che è molto più difficile da usare rispetto agli altri due metodi, in un primo momento.

L'intelligente design del gioco si estende anche ai giocatori che vengono eliminati in un round, a cui è data un'altra possibilità di sparare dalla tomba attraverso un sistema di puntamento che aggancia un corridore e gli spara addosso delle bombe dall'alto. Si tratta di una meccanica che aumenta il divertimento e la durata del gioco, sia nell'opzione carriera sia in quella scontro. Anche se ogni gioco di corse decente richiede una certa dose di concentrazione sullo sterzare le ruote, è difficile ignorare i paesaggi frizzanti che semplicemente scoppiano di vita e di colore, o il modo aleatorio con cui i conducenti da cartone animato e dagli strani nomi portano tempesta nelle piste.

I personaggi eccentrici, che vanno da paguri cyborg da guerriglia ad uccelli da guerra, hanno una personalità veramente distinta. A loro piace gridare in modo casuale e senza senso, in maniera divertente per tutta la gara, dimostrando un design fantastico ed una solidità dei personaggi. La mia unica critica è che essi non hanno armi specifiche oltre a quelle comuni, e questo avrebbe potuto far risaltare di più ogni personaggio ed aggiungere un altro strato di eccitazione al gioco. La colonna sonora di Obliteracers è simile a quella di Star Wars, e si rivolge agli appassionati di jazz e swing elettronico, sentendosi come un qualcosa di funky da circo. Obliteracers è uno dei giochi di kart più innovativi e folli che siano sbarcati sul mercato negli ultimi anni. Non solo è un piacere da giocare in sessioni co-op sul divano in famiglia e con gli amici, ma può anche portarvi a prendere in prestito in maniera permanente il computer da soli.

Fonte: popoptiq.com

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Cortesemente, effettua il login o registrati per postare commenti.


Condividi questa pagina di GC Recensioni

Submit to DeliciousSubmit to DiggSubmit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to StumbleuponSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn