Game Community Network

  

 

 

"In verità vi dico: se non vi convertirete e non diventerete come i bambini, non entrerete nel regno dei cieli." Matteo 18, 3

In Internet si può trovare un buon numero di siti web per "videogiocatori cristiani". Le forme e le modalità con cui appassionati di videogiochi non disdegnano di proclamare la loro fede sono molteplici; in questi siti, talvolta, sono presenti anche dei forum. Se qualcuno di voi, però, provasse a fare una ricerca, noterebbe che quasi tutti sono in lingua inglese. Per quanto riguarda il panorama videoludico italiano, infatti, ben pochi giocatori amano definirsi pubblicamente "Cristiani". Anzi, la maggior parte dei "profili" di un buon numero di appassionati di videogiochi, si compiace di tematiche appartenenti al "lato oscuro", con simboli, frasi, citazioni, modi d'esprimersi, etc. Questo è sotto gli occhi di tutti. Perché, dunque, un giocatore non può essere felice di dirsi "Cristiano"? Game Community tenterà di fare qualcosa in merito, nel suo piccolo. È infatti in preparazione il sito GC = Gesù Cristo, che sarà un social network per videogiocatori Cristiani. Gesù è il Signore! Lode e gloria a Te, Signore Gesù!

 

Menù principale


Piattaforme: PC, PS4, Xbox One

Sviluppatore: Breakfall

Genere: Indie, azione, casual

Data di uscita: 29 Settembre 2014

Modalità: Single player, coop locale

Supporto per il controller: Sì

Starwhal è stato realizzato per il multiplayer locale, ed è lì che brilla meglio. Il suo esilarante gameplay ottiene un sacco di chilometraggio dai numerosi livelli e modalità, e la grafica brillante in stile neon è deliziosamente anni '80. Non c'è bisogno di fare alcuna ricerca su Starwhal per capire quale sia l'ispirazione principale che ha avuto Breakfall nel progettarlo. Una volta che hai un controller fra le mani e sperimenti la ridicola meccanica flip-e-flop che guida i protagonisti narvali, potrai ricreare quelle notti multiplayer passate a ridere con i tuoi amici sul divano.

Si tratta di un luminoso titolo indie molto sciocco che riguarda l'amore, e tutto questo si mostra in ogni pollice di spazio sullo schermo, il che rende un po' difficile trovare un difetto qualsiasi in un serio modo critico. Se avete degli amici con un grande senso dell'umorismo con cui giocare, lo troverete una vera delizia. In caso contrio, be', potreste voler aspettare per buttarvi in questo gioco.

In Starwhal l'azione si svolge in una serie di arene illuminate da neon. Fino a quattro giocatori possono selezionare un narvalo ciascuno, il suo colore ed un qualsiasi numero di goffi accessori, come articoli africani, cuffie, ali di pipistrello e simili, per giocare a cinque diverse modalità competitive: Classic, una modalità Deathmatch di base, Score Attack e Zone, in cui si devono acquisire delle zone e Heart and Throb, una modalità in stile cattura la bandiera. In tutte queste modalità c'è un'interessante dinamica di gioco: ogni narvalo ha un grande cuore che batte sul petto, che può essere trafitto dalle zanne degli altri narvali. Girando per l'arena, avrete modo di valutare quale sia il modo migliore per perforare il cuore dei vostri avversari e, allo stesso tempo, proteggere il vostro.

Questo "flipping e flopping" per l'arena, causato da un sistema di controllo volutamente difficile, è davvero il centro del divertimento del gioco e del suo umorismo. Come un sacco di grandi giochi con multiplayer locale, c'è qualcosa di ridicolo nel modo in cui i narvali si muovono, e la meccanica - contro la quale si deve lottare per ottenere un qualsiasi progresso - porta un reale senso di anarchia e di impotenza nelle battaglie. Piuttosto che gareggiare con la super-seria concorrenza hardcore, Starwhal rende tutti gli altri giochi ugualmente muti. E' geniale, soprattutto durante i vostri primi e disperati tentativi di far cooperare il vostro povero personaggio. Una volta che lo hai padroneggiato, però, la durata del gioco va notevolmente di pari passo con la vostra modalità multiplayer preferita e, probabilmente, ci tornerete più volte, mentre altri giocatori usciranno di scena dopo che sarà svanito lo shock iniziale.

Il multiplayer locale è grande, naturalmente, ma per quanto riguarda i giocatori singoli là fuori? Be', considerando che Starwhal nasce come gioco di società, si tratta di una buona scommessa che la maggior parte degli amanti del single-player vorrà affrontare. Il gioco fornisce alcune sfide fondamentali per avere successo, come la navigazione fra dei labirinti ed il raggiungimento di obiettivi, ma questi si sentono come dei ripensamenti rispetto al caos a quattro giocatori della modalità principale. Si può gareggiare contro degli avversari controllati dalla IA, ovviamente, ma ancora una volta c'è qualcosa che manca, rispetto alla condivisione dell'esperienza con altre persone.

Che tu voglia giocare a questo gioco da solo o in un soggiorno pieno di amici, però, non si può negare la nitidezza estetica di Starwhal. L'effetto cumulativo riporta alla mente i giorni al neon, metallici ed elettronici, con le sfumature dei migliori anni 1980, ed è grande. Grazie ad un'ampia selezione di livelli, non c'è mancanza di varietà, e la grafica a portata di mano è sempre un piacere per gli occhi, soprattutto quando si tratta di sfondi dettagliati ed effetti particellari appariscenti. Per fortuna, il comparto audio di adatta bene a tutto ciò, anche se è un po' più contemporaneo, mentre a questo recensore, personalmente, sarebbe piaciuto ascoltare lo stile anni '80 di Hotline Miami o Far Cry 3: Dragon Blood, con le energiche ed elettroniche melodie che servirebbero perfettamente come sottofondo ai colori vivaci delle battaglie.

Starwhal offre un affascinante ed affettuoso omaggio ai giorni in cui il multiplayer locale era lo standard, ed è così efficace nel suo strizzare l'occhio ai ricordi nostalgici che è difficile muovergli delle critiche. Se c'è qualcosa di cui lamentarsi, è la longevità del titolo, per via del fatto che la principale modalità multiplayer rigiocabile è una scelta discutibile, e che il gioco non ha molto da offrire a chi desidera giocare da solo. Tuttavia questo gioco è stato costruito da zero per più di un giocatore, dopo tutto, e lo fa catturando l'esuberanza del caos da divano, in un momento in cui la tradizione sembra essersi dissolta a favore della concorrenza online (Halo 5, ti sto guardando).

Fonte: wegotthiscovered.com

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Cortesemente, effettua il login o registrati per postare commenti.


Condividi questa pagina di GC Recensioni

Submit to DeliciousSubmit to DiggSubmit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to StumbleuponSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn