Game Community Network

  

 

 

"In verità vi dico: se non vi convertirete e non diventerete come i bambini, non entrerete nel regno dei cieli." Matteo 18, 3

In Internet si può trovare un buon numero di siti web per "videogiocatori cristiani". Le forme e le modalità con cui appassionati di videogiochi non disdegnano di proclamare la loro fede sono molteplici; in questi siti, talvolta, sono presenti anche dei forum. Se qualcuno di voi, però, provasse a fare una ricerca, noterebbe che quasi tutti sono in lingua inglese. Per quanto riguarda il panorama videoludico italiano, infatti, ben pochi giocatori amano definirsi pubblicamente "Cristiani". Anzi, la maggior parte dei "profili" di un buon numero di appassionati di videogiochi, si compiace di tematiche appartenenti al "lato oscuro", con simboli, frasi, citazioni, modi d'esprimersi, etc. Questo è sotto gli occhi di tutti. Perché, dunque, un giocatore non può essere felice di dirsi "Cristiano"? Game Community tenterà di fare qualcosa in merito, nel suo piccolo. È infatti in preparazione il sito GC = Gesù Cristo, che sarà un social network per videogiocatori Cristiani. Gesù è il Signore! Lode e gloria a Te, Signore Gesù!

 

Menù principale


Uno dei titoli più attesi per il Natale è Just Cause 3, sviluppato da Avalanche Studios. Questo titolo offre quasi tutto ciò che si è forse sempre desiderato: un lussureggiante e bellissimo mondo aperto pieno di avventura, con una fisica meravigliosamente folle e delle colossali esplosioni. C'è solo un problema: le prestazioni. Le console forniscono un frame-rate coerente al di sotto dei 30 FPS e, per molti, questo non diminuisce il fattore divertimento, soprattutto sulla Xbox One.

Tuttavia, se siete alla ricerca di un'esperienza migliore, il PC è la strada da percorrere. Il gameplay a 1080p e 60 FPS è raggiungibile, con un livello equivalente di prestazioni anche a 1440p e superiori. Sebbene il frame-rate sia ovviamente inferiore, Just Cause 3 è anche perfettamente giocabile a 4K, raggiungendo il limite massimo di una sola GPU.

Purtroppo, per ottenere i risultati migliori, i nostri test rivelano che il gioco di Avalanche non è esattamente adatto alla maggior parte dei PC. Per raggiungere sempre i migliori livelli prestazionali è necessaria una CPU Intel, in coppia con una scheda grafica Nvidia. Effettivamente quest'accoppiata sembra la migliore; dopo tutto, Intel e Nvidia possiedono circa l'80 per cento della quota di mercato delle CPU e delle schede grafiche, rispettivamente. Tuttavia, ci sono molti utenti con CPU e GPU di AMD, e qui i nostri test mostrano un'immagine meno ideale.

Prima di tutto, parliamo della nostra tecnologia di prova per questo titolo. Abbiamo usato quattro piattaforme in totale, per la nostra analisi. Il PC meno potente è basato su un Intel Core i3 4130 con 8 GB di memoria DDR3. Salendo sulla fascia media abbiamo usato una GTX 960 ed una 380 R9 sia con un i5 4690K sia con un FX-8350 in coppia, con la stessa memoria. Infine, spostandoci verso la fascia alta, abbiamo confrontato i risultati forniti dai PC descritti con il nostro sistema avente come nucleo l'Intel i7 6700 nuovo di zecca, in esecuzione con 16 GB di memoria DDR4 a 2666 MHz. In parole povere, l'idea è quella di abbinare ai processori le schede grafiche al fine di riflettere meglio le macchine più usate.

Le impostazioni a 1080p e 60 FPS non sono un'opzione, avrete bisogno di un più alto livello di potenza della CPU ed anche il quartetto di schede grrafiche testate a volte non le raggiunge. Siamo arrivati a questo risultato con dei compromessi minori: le ombre scendono da molto alto ad alto, il filtro anisotropico è di 8x invece di 16x e l'anti-aliasing è il SMAA invece che il SMAA T2X. Le cose cambiano un po' se AMD e Nvidia sono abbinate con l'economico processore Intel Core i3. La scheda grafica AMD R7 360 offre una maggior spinta utile globale rispetto alla GTX 750 Ti, ma la R7 370 non raggiunge la GTX 950.

In termini di GPU entry-level, l'AMD R7 360 supera comodamente la GTX 750 Ti, con un miglioramento complessivo delle prestazioni del 12 per cento. Ora, c'è un problema che abbiamo trovato in quasi tutte le schede AMD che gestiscono questo gioco: una balbuzie occasionale durante l'attraversamento ed un problema molto più pronunciato durante la fisica pesante e le sequenze esplosive. Tuttavia, nella zona di frame-rate di 30-35 FPS a cui girano queste schede, gli intoppi in termini di prestazioni non sono grandi. E' solo un peccato che AMD non raggiunga ancora i 30 FPS correttamente, al ritmo del v-sync, che è lo standard delle console.

Ottenere una base solida delle impostazioni a livello di console, in Just Cause 3, è abbastanza difficile. Il gioco ha due tipi di preset di qualità. Ci sono le opzioni binarie on / off come SSAO, motion blur, illuminazione globale, riflessioni e profondità di campo; le altre impostazioni, come il dettaglio delle texture, il dettaglio dell'acqua, il fattore LOD e la qualità delle ombre hanno le impostazioni bassa, media, alta e molto alta. Tutte le opzioni binarie sembrano essere attive sulle versioni per console, mentre le altre variano; le console impiegano il dettaglio a trama piena, il fattore LOD sembra basso in alcuni punti, la qualità delle ombre è alta e la qualità delle texture è altissima. Il filtro anisotropico varia fra 2x a 4x sulle console, mentre l'antialiasing è molto simile a FXAA.

Abbiamo effettivamente eseguito i nostri test delle GPU ad impostazioni molto alte a 1080p, SMAA, antialiasing 8x e ombre alte; ma facendo scendere tutte le impostazioni ad alte, e lasciando le texture altissime, le prestazioni migliorano, anche se non è grande l'impatto sul gioco. Per il nostro test "maxed", in realtà abbiamo usato il top della linea SMAA T2X AA, ma avremmo potuto usare SMAA di base, dal momento che sembra che ci sia un bug ghosting in questo momento nella componente temporale.

La GTX 750 Ti, una volta overclockata, si mantiene a 30 FPS per la maggior parte del tempo, ma abbiamo dovuto usare il v-sync a mezza velocità ed il blocco a 30 FPS come limite massimo. Anche con l'hardware di fascia alta, Just Cause 3 ha dei problemi con il v-sync. Per avere una migliore stabilità con queste schede grafiche, si dovrebbe impostare al minimo il fattore LOD ed utilizzare FXAA.

La GTX 950 dà una spinta enorme alle prestazioni con dei bei frame-rate medi, anche se abbiamo ancora usato il limite di 30 FPS e massimizzato le impostazioni della qualità. Qui, in alternativa, c'è la scheda grafica di AMD R7 370 (di fatto una Radeon HD 7850 overclockata); questa scheda ha mostrato i maggiori problemi di balbuzie nei nostri testi. L'esperienza, in realtà, non è stata grande.

Passando alle schede di fascia media, abbiamo usato le impostazioni di qualità al massimo ed impiegato la GTX 960 contro la R9 380, la scheda grafica di AMD che storicamente ha un vantaggio tangibile nelle prestazioni, rispetto alle controparti GeForce. Sulla carta, da un punto di vista di puro benchmarking, il vantaggio di AMD qui è tangibile, ma i 5 FPS di AMD in più sono controbilanciati dalla maggiore coerenza di Nvidia e da minore balbuzie.

Con queste schede video abbiamo anche testato il processore FX-8350 di AMD, notando che passando da un chip i5 a quello di AMD ci sono stati due risultati molto diversi per ciascun fornitore di CPU. Nvidia è calata fino a 10 FPS, mentre la R9 380 ha conservato quasi tutta la sua performance complessiva, in termini di frame-rate medio, ma c'è stata più balbuzie nelle zone ad alto frame-rate con un sacco di azione esplosiva.

La GTX 970 di Nvidia è un fenomeno nelle vendite. E' la scheda grafica discreta più utilizzata, sulla base di un'indagine hardware di Steam, anche se ha un prezzo di vendita al dettaglio relativamente alto ed un atmosfera controversa che la circonda. E' generalmente il "Go to" per un gameplay di 1080p e 60 FPS, che funziona molto bene con Just Cause 3. La GTX 970 è generalmente disponibile in vari formati overclockati di fabbrica, ma il nostro modello è una Zotac di base, con un overclock di 20 MHz. Al contrario, la nostra scheda grafica concorrente è la Radeon R9 390 di Asus CU 3, con un overclock di fabbrica di 70 MHz, che la rende una concorrente feroce. In termini di frame-rate medio la GTX ha solo un mero tre per cento e, nella paggior parte dei nostri test, l'esperienza di sente uguale. Tuttavia, ancora una volta, c'è la questione della balbuzie con l'hardware AMD, meno pronunciata in questo test che altrove, ma ancora dal forte impatto. Il frame-rate minimo più alto ottenuto con la GTX 970 è stato di 14 FPS. Abbinare un processore quad-core di Intel con la GTX 970 sembra essere la migliore combinazione per l'esecuzione di Just Cause 3 a 1080p e 60 FPS, con tutte le impostazioni al massimo ma, ancora una volta, il v-sync sembra essere un problema.

Stai cercando di eseguire Just Cause 3 a 1440p o 4K? Be', il gioco è altamente scalabile ed è possibile ottenere un'esperienza perfettamente giocabile con tutte le impostazioni al massimo, ad una risoluzione ultra HD. Infatti, sia la GTX 980 Ti sia la R9 Fury X sono in grado di battere le prestazioni 1080p delle nostre schede di riferimento, per arrivare ad una risoluzione 4K con le impostazioni spinte al massimo. A conti fatti, la GTX 980 Ti, a 4K, ha un sette per cento di vantaggio prestazionale. Qui c'è un altro fatto interessante in termini di scalabilità, in quanto la GTX 980 Ti offre un profilo delle prestazioni che è molto simile a quello della GTX 970, solo che la scheda più economica raggiunge i 1080p mentre la GTX 980 Ti raggiunge una risoluzione di 2560x1440. La Fury X, in realtà, non affronta molto bene i 1440p, la prestazione è molto variabile, fino al punto in cui l'hardware di Nvidia è del 20 per cento più veloce su tutta la linea.

Abbiamo studiato una serie di tentativi, con l'aiuto della comunità, per affrontare questi problemi, fra cui la regolazione della configurazione audio e spegnere le sovrapposizioni, che usiamo per misurare le prestazioni, testando il tutto con tre differenti CPU, cinque GPU e due sistemi operativi, ma nienta può cambiare il risultato. IN sostanza, le schede grafiche AMD presentano una maggior variabilità di prestazioni, ma non tanto grave come accade, ad esempio, con Batman Arkham Knight. Tuttavia questi problemi, fra cui l'intermittenza, mettono in evidenza l'importanza di un processo di analisi qualitativa o QA che comprenda una pluralità di hardware per PC, nonché la necessità di assicurare un supporto ottimale dei driver fin dal primo giorno del rilascio di un gioco.

Fonte: eurogamer.net

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Cortesemente, effettua il login o registrati per postare commenti.


Condividi questa pagina di GC Recensioni

Submit to DeliciousSubmit to DiggSubmit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to StumbleuponSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn