Game Community Network

  

 

 

"In verità vi dico: se non vi convertirete e non diventerete come i bambini, non entrerete nel regno dei cieli." Matteo 18, 3

In Internet si può trovare un buon numero di siti web per "videogiocatori cristiani". Le forme e le modalità con cui appassionati di videogiochi non disdegnano di proclamare la loro fede sono molteplici; in questi siti, talvolta, sono presenti anche dei forum. Se qualcuno di voi, però, provasse a fare una ricerca, noterebbe che quasi tutti sono in lingua inglese. Per quanto riguarda il panorama videoludico italiano, infatti, ben pochi giocatori amano definirsi pubblicamente "Cristiani". Anzi, la maggior parte dei "profili" di un buon numero di appassionati di videogiochi, si compiace di tematiche appartenenti al "lato oscuro", con simboli, frasi, citazioni, modi d'esprimersi, etc. Questo è sotto gli occhi di tutti. Perché, dunque, un giocatore non può essere felice di dirsi "Cristiano"? Game Community tenterà di fare qualcosa in merito, nel suo piccolo. È infatti in preparazione il sito GC = Gesù Cristo, che sarà un social network per videogiocatori Cristiani. Gesù è il Signore! Lode e gloria a Te, Signore Gesù!

 

Menù principale





Il vento lambisce il mare creando le onde ed un inquietante rumore di risucchio, quando s'infrangono sulla spiaggia desolata. Posso vedere delle torce e dei depositi di barche lungo la costa. Civiltà, forse? C'è una quantità considerevole di massi fra me e la prima darsena; alcune imbarcazioni sono grandi come la barca con cui ho navigato fin qui, ed altre delle dimensioni minori di quelle di un uomo.

Dopo aver fatto un passo sulle rocce monolitiche, guardo verso il basso ed i raggi della Luna rivelano degli scarni occhi atterriti; c'era una mezza dozzina di cadaveri mutilati prima di me, sulla spiaggia. Improvvisamente, non ho più trovato un promettente conforto nei segni di civiltà più avanti. Ho strisciato cautamente verso la prima struttura, che sembrava un magazzino di carico e scarico per le barche da pesca. C'era un uomo seduto, che tendeva una rete da pesca. Ho afferrato più strettamente la mia katana quando l'uomo si è avvicinato. Appena mi ha visto, ha gettato a terra ciò su cui stava lavorando ed ha brandito una spada arruginita, dirigendosi verso di me con una terribile ferocia. Parlare era fuori questione. Ho parato i suoi colpi e le sue spinte; lui era molto più abile di quanto dovrebbe esserlo un pescatore e, ahimè, la sua lama arruginita mi ha trafitto il petto, uccidendomi con un solo colpo. Perché questo gioco è così difficile?

Nioh è un gioco d'azione di ruolo, in esclusiva per PlayStation 4, che dovrebbe uscire nel 2016 in qualche momento. Il gameplay è simile a quello della serie Dark Souls, con alcune benvenute innovazioni, nuove idee ed un ambiente unico. Ci sono combattimenti intensi e profondi, una varia personalizzazione delle abilità ed una progressione; Nioh incoraggia il giocatore ad affrontare ogni incontro con il nemico da più angolazioni, pesando il costo di ogni singola azione che compie contro i cattivi. Ci può essere uno scontro con un unico nemico visibile, solo per essere poi fatti a pezzi dagli altri due nascosti fra i cespugli. C'è una miriade di metodi per affrontare le battaglie e per portare a tuo favore un'opposizione potenzialmente sfavorevole. Combattere è un po' come giocare a scacchi, nel senso che si deve sapere quando attaccare o cessare di attaccare, in modo da preservare qualche preziosa resistenza per un blocco, una parata o una schivata extra. Quando la resistenza è impoverita a causa del correre, attaccare, schivare, etc. diventa fondamentale imparare a monitorare con attenzione la vostra resistenza, in modo da non stancarsi in combattimento e lasciare la difesa spalancata ad un attacco devastante.

Uno dei miei elementi preferiti di Nioh è la varietà e profondità delle opzioni di progressione delle abilità. Ci sono tre tipi principali di armi: spade, lance ed asce. Le spade si prestano a chi preferisce un combattimento veloce, nel quale si possono eseguire più attacchi consumando meno resistenza, a scapito dei danni inflitti complessivamente. Le lance e le asce sono entrambe molto più lente da usare delle spade e sono selvaggiamente liberali per il loro uso della capacità di resistenza, ma infliggono enormi danni ai nemici. Le lance possono tenere a bada i cattivi, con un'ampia gamma di attacchi per mantenere i nemici potenzialmente fatali lontani da te. Le asce non hanno una vasta gamma di utilizzi come le lance, ma sono grottescamente potenti se riuscite a colpire il nemico. I potenzialmenti e le specializzazioni delle abilità con cui si usano queste armi sono molti. Oltre agli alberi delle abilità per le armi primarie, è anche possibile accedere alle armi a distanza come l'arco e le frecce o gli shuriken, così come il ninjistu e la magia.

Anche se Nioh non dispone di classi, il gioco permette qualcosa di più eccitante; si è in grado di modellare il proprio personaggio in qualunque tipo di combattente si preferisca, utilizzando tutti i tipi di specializzazioni di armi, magia ed arti marziali. L'armatura svolge anche un ruolo enorme in Nioh, dal momento che ti protegge dagli attacchi, rendendoli meno efficaci, a costo di rallentare la velocità di movimento ed aumentando il costo di resistenza, in base a movimenti come la corsa o lo schivare. Tutte queste variabili si basano su quanto sia pesante l'armatura che si sta indossando. Nioh è ambientato in un tempo indeterminato, durante il periodo degli Stati Combattenti in Giappone, e si concentra su una versione semi-immaginaria del samurai inglese William Adams. Anche se la trama non è stata pienamente rivelata, è subito evidente che questa rappresentazione del Giappone non è priva di alcune influenze paranormali, dal momento che ci sono i fantasmi e quant'altro sparsi in tutto il paesaggio. Dalla demo, sembra che William sia coinvolto in un conflitto fra diversi gruppi di soldati giapponesi, così come contro vari tipi di entità paranormali.

La presentazione generale di Nioh è incredibilmente affascinante. I villaggi di pescatori poco illuminati sono inquietanti e si sentono sinistri. La luce della Luna splende su macchie di sangue e sopra soldati folli ed abitanti del villaggio che sono in attesa dietro ad ogni angolo. Anche senza i demoni e i fantasmi, è ovvio che c'è qualcosa di storto e che la gente vuole eliminarvi. Anche se sono sicuro che la totalità del gioco non ha luogo nella regione visibile nella demo, o che sia notte per tutta la progressione attraverso il gioco, questi elementi dell'impostazione hanno immediatamente suscitato il mio interesse. Non è comune avere dei giochi ambientati in questo periodo di tempo, ad eccezione dei giochi Warriors di Tecmo Koei, quindi è una novità combattere attraverso una regione spettrale e vividamente dettagliata degli Stati Combattenti in Giappone.

Nel complesso, Nioh sembra offrire molto agli appassionati di questo tipo di giochi. Ha certamente il sapore di "alto rischio ed alta ricompensa" che si vede in un sacco di videogiochi di oggi. Con una cornice unica, il senso di realizzazione che si sente dopo aver vinto una battaglia particolarmente impegnativa o dopo aver conquistato un'area, la progressione della personalizzazione, la profondità delle abilità ed il combattimento simile agli scacchi, calcolato e rischioso, questo gioco dovrebbe rivelarsi molto interessante nella sua forma definitiva. Potrebbe rivelarsi un concorrente legittimo dei giochi di From Software. Dopo aver giocato alla demo, posso solo dire di provare Nioh, se ci si diverte come giocatori "hardcore".

Fonte: bitcultures.com

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn


Condividi questa pagina di GC Recensioni

Submit to DeliciousSubmit to DiggSubmit to Stumbleupon