Game Community Network

  

 

 

"In verità vi dico: se non vi convertirete e non diventerete come i bambini, non entrerete nel regno dei cieli." Matteo 18, 3

In Internet si può trovare un buon numero di siti web per "videogiocatori cristiani". Le forme e le modalità con cui appassionati di videogiochi non disdegnano di proclamare la loro fede sono molteplici; in questi siti, talvolta, sono presenti anche dei forum. Se qualcuno di voi, però, provasse a fare una ricerca, noterebbe che quasi tutti sono in lingua inglese. Per quanto riguarda il panorama videoludico italiano, infatti, ben pochi giocatori amano definirsi pubblicamente "Cristiani". Anzi, la maggior parte dei "profili" di un buon numero di appassionati di videogiochi, si compiace di tematiche appartenenti al "lato oscuro", con simboli, frasi, citazioni, modi d'esprimersi, etc. Questo è sotto gli occhi di tutti. Perché, dunque, un giocatore non può essere felice di dirsi "Cristiano"? Game Community tenterà di fare qualcosa in merito, nel suo piccolo. È infatti in preparazione il sito GC = Gesù Cristo, che sarà un social network per videogiocatori Cristiani. Gesù è il Signore! Lode e gloria a Te, Signore Gesù!

 

Menù principale


Piattaforme: Wii, Wii U, 3DS

Sviluppatore: Prope

Genere: Azione, avventura

Data di uscita: 2 Aprile 2015

Modalità: Single player

Supporto per il controller: Sì

È impossibile parlare di Rodea the Sky Soldier senza addrentrarsi nella lunga storia che presenta questo gioco. Quando penso ai classici giochi di Sonic the Hedgehog per Sega Genesis, mi vengono in mente tre grandi nomi: Hirokazu Yasuhara (game designer), Naoto Ohshima (direttore artistico) e Yuji Naka (programmatore e poi presidente). Tutti e tre hanno lasciato Sega molti anni fa, e nessuno di loro ha trovato lo stesso livello di notorietà che aveva mentre lavorava su Sonic. Yasuhara ha trascorso due decenni, dopo la sua partenza, rimbalzando fra Naughty Dog, Namco e Nintendo. Ohshima ha realizzato la pseudo-mascotte di Xbox Blinx Time Sweeper. Naka ha fondato uno studio di sviluppo indipendente, Prope.

Prope non ha mai avuto una "hit", per dirla in poche parole. Questo studio ha realizzato in gran parte piccoli progetti, per lo più nel settore mobile, per avventurarsi di tanto in tanto in acque più profonde con giochi come Tap Let per Wii e Ivy the Kiwi per Nintendo DS, l'ultimo dei quali era così noioso che non sono nemmeno riuscito a mettere insieme abbastanza energia per scriverne una recensione. Non c'è mai stato un gioco in grado di definire la personalità della società. Non hanno mai avuto il loro Sonic the Hedgehog, e neppure il loro Blinx Time Sweeper. Tuttavia, nel 2010, Prope annunciò una partnership con Kadokawa Games per produrre Rodea the Sky Soldier per Wii e l'allora neo-annunciato Nintendo 3DS. Questo è stato il più grande progetto di Prope, e la possibilità di lasciare un segno nel settore.

Rodea the Sky Soldier ha avuto uno sviluppo tumultuoso. Nei cinque anni successivi, le circostanze sono cambiate: tecnicamente, Rodea the Sky Soldier è stato rilasciato per la console Nintendo Wii U, oltre alla console portatile 3DS, e non è sicuramente il gioco che inizialmente ci avevano promesso.

La versione per Wii è buona. In realtà non è il massimo che Kadokawa Games abbia trascinato i piedi per tanto tempo con lo sviluppo di Rodea, perché questo gioco avrebbe davvero potuto mettere Prope in pista. Rodea the Sky Soldier, per certi aspetti, è quasi un gioco lightgun simile a Time Crisis, House of the Dead, e così via. Occorre prendere la mira verso certe cose (siano esse degli oggetti o dei nemici), e poi tirare il grilletto per sparare. Il problema è che, invece di stare in una posizione stazionaria con un'arma in mano, Rodea si muove attraverso l'ambiente. È incredibilmente semplice da prendere e giocare; nel giro di pochi minuti sono stato in giro per il cielo di Dashing ed il mondo di Garuda come un professionista.

La fase iniziale può anche sembrare un po' troppo semplice, con Rodea the Sky Soldier che vi facilita nelle sue meccaniche di gioco. In seguito iniziano ad essere introdotti nuovi elementi, per testare la vostra determinazione, la vostra capacità di controllare l'arco e la mira muovendo il polso, ed il vostro tempismo. Nuovi power-up vengono bene aggiunti, come gli stivali che permettono a Rodea di pattinare attraverso alcune superfici, ed una pistola per eliminare i nemici a cui Rodea non può arrivare.

In generale, il controller della console Wii funziona come ci si aspetterebbe. Il controllo del movimento richiede molta precisione, ma Prope ha scelto di basare tutto il controllo di Rodea sul semplice gesto di puntare verso lo schermo, qualcosa che è stato perfezionato nei giochi decenni fa. Non vi è alcun rilevatore di movimento, ma solo il semplice ed efficace controllo del puntatore. Non è tutto rose e fiori, però. Sebbene volare sia il modo principale per attraversare questi livelli, vi è offerta anche la possibilità di camminare sul terreno, utilizzando il d-pad del controller Wii. Fare questo è incredibilmente scomodo e, per fortuna, non si è mai costretti ad usarlo realmente. Dato che questo è un gioco di volo, è possibile volare ovunque.

Il più grande problema di Rodea è il controllo della telecamera. È possibile ruotarla spostando il mirino ai bordi dello schermo, il che generalmente funziona abbastanza bene... fino a quando accidentalmente si mira al di fuori dello schermo del televisore. Se avete giocato molto con il PC utilizzando il mouse, i vostri muscoli dovrebbero essere in grado di ruotare rapidamente la visuale di 180 gradi in Rodea. Durante le situazioni stressanti andavo costantemente fuori dallo schermo, accidentalmente cercando di riposizionare la telecamera troppo in fretta. Questo diventa particolarmente frustrante in alcuni degli spazi più compatti del gioco, dove Rodea può rimanere incuneato fra più oggetti e si sente impossibile riorientare te stesso. Detto questo, tali situazioni sono rare; Rodea the Sky Soldier sembra capire soprattutto i propri limiti, e la maggior parte dei livelli del gioco si svolge in grandi spazi aperti.

La versione per Wii U ha dei vantaggi rispetto a quella per Wii, per quanto riguarda i controlli. Il problema, con questa console, è che mentre Rodea per Wii del 2010 è veloce ed aggraziato, con lo sforzo di librarsi nei cieli e di rimbalzare fra i nemici, la versione per Wii U del 2015 (e per 3DS) è lenta, fluttuante e maldestra, costretta a scendere a compromessi per funzionare in un formato per il quale non è stata progettata. Questo non vuol dire che la versione 2015 di Rodea sia completamente ingiocabile, dato che anche se il gioco ha le sue rampe di difficoltà, la velocità più bassa e la gravità inferiore possono aiutare a far diminuire la potenziale frustrazione. Tuttavia non si può negare che Kadokawa Games abbia frainteso ciò che ha reso speciale Rodea the Sky Soldier, e la versione per Wii U soffre inutilmente di conseguenza.

La grande domanda nella mia mente è se Rodea the Sky Soldier sia l'ultimo "NiGHTS: Into Dreams" di Yuji Naka, che lo definì un "gioco perfetto", paragonando i suoi sentimenti a quelli di Steven Spielberg per ET l'extra-terrestre. Negli anni NiGHTS è stato rilasciato su Xbox Live Arcade, PlayStation Network e PC, ed ho visto questo gioco attraverso gli occhi luminosi dei miei coetanei. Rodea the Sky Soldier non raggiunge concettualmente o artisticamente NiGHTS, ma è molto più facile da capire, e quindi molto più facile da giocare e divertirsi. Semplicemente, là fuori non c'è un altro gioco del genere, e penso che valga sicuramente la pena provarlo.

Fonte: tssznews.com

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Cortesemente, effettua il login o registrati per postare commenti.


Condividi questa pagina di GC Recensioni

Submit to DeliciousSubmit to DiggSubmit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to StumbleuponSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn