Game Community Network

  

 

 

"In verità vi dico: se non vi convertirete e non diventerete come i bambini, non entrerete nel regno dei cieli." Matteo 18, 3

In Internet si può trovare un buon numero di siti web per "videogiocatori cristiani". Le forme e le modalità con cui appassionati di videogiochi non disdegnano di proclamare la loro fede sono molteplici; in questi siti, talvolta, sono presenti anche dei forum. Se qualcuno di voi, però, provasse a fare una ricerca, noterebbe che quasi tutti sono in lingua inglese. Per quanto riguarda il panorama videoludico italiano, infatti, ben pochi giocatori amano definirsi pubblicamente "Cristiani". Anzi, la maggior parte dei "profili" di un buon numero di appassionati di videogiochi, si compiace di tematiche appartenenti al "lato oscuro", con simboli, frasi, citazioni, modi d'esprimersi, etc. Questo è sotto gli occhi di tutti. Perché, dunque, un giocatore non può essere felice di dirsi "Cristiano"? Game Community tenterà di fare qualcosa in merito, nel suo piccolo. È infatti in preparazione il sito GC = Gesù Cristo, che sarà un social network per videogiocatori Cristiani. Gesù è il Signore! Lode e gloria a Te, Signore Gesù!

 

Menù principale





Piattaforma: PC

Sviluppatore: StormCube Games

Genere: Survival, indie

Data di uscita: 22 Marzo 2016

Modalità: Single player

Supporto per il controller: Sì

Che cosa accadrebbe se improvvisamente, dal nulla, si aprisse un portale e mi portasse via in un lussureggiante pianeta alieno, ricco di vegetazione e di maiali alieni arrabbiati? Be', probabilmente sarei in grado di sopravvivere per almeno un giorno o due, se le mie prime esperienze con Vortex: The Gateway fossero solo agli inizi. Il gioco è attualmente in Early Access, con una forte enfasi sul fattore "anticipato", dal momento che si sente ancora molto ruvido attorno ai bordi. Ma permettetemi di condividere con voi le mie brevi avventure.

Mi trovo in una foresta lussureggiante, nei pressi di una scogliera. La parola "giungla" potrebbe essere più appropriata. Per fortuna, ho trovato una manciata di oggetti vicino alla mia area di partenza, un po' di succo di frutta, del cibo, un accendino, un machete e così via. Il primo ordine del giorno sarebbe quello di costruire una qualche forma di riparo, soprattutto perché è l'unico mezzo per salvare le partite del gioco, ed anche perché sarebbe bello avere un buco come nascondiglio di qualche tipo quando cala la notte e (sto supponendo) quando i mostri comincerebbero ad aggirarsi nel bosco. Così inizio a tagliare un po' di bambù con un machete. Ci vuole un po' di tempo, considerando che anche la più piccola "casa" ne richiede già un po'.

Ho anche trovato delle strane piante che potrebbero potenzialmente brillare al buio; le prendo perché non si sa mai. Alla fine, ho sentito un animale fra i cespugli, qualcosa che assomiglia un po' ad un maiale e che stride decisamente come se lo fosse. Così ho violato alcuni cespugli con il mio machete per guadagnare alcuni bastoni, da usare come lance per procurasi... del cibo. Ad ogni modo, inizio a tirare le lance contro le bestie, riuscendo alla fine ad abbaterne una. Bene, penso fra me e me, almeno ho un po' di carne. Ciò significa che non morirò di fame. Torno al campo di bambù per finire la mia piccola casa di bambù, ma il sole incomincia già a calare (ho sentito che in realtà i cicli giorno-notte erano un po' troppo veloci), così ho dovuto fare in fretta. Ho tatticamente posizionato la mia piccola capanna fra la scogliera ed un robusto albero, perché pensavo di avere una maggiore protezione. Non che importasse, dal momento che la mia capanna di bambù non aveva porte.

Dopo aver terminato il noioso lavoro di raccolta di bambù, per portarlo al mio cantiere, avevo finalmente finito la mia capanna, che si è rivelata essere spaziosa come una latrina, ed ero pronto per andare a dormire... tranne che non ho potuto. A quanto pare, non c'è alcuna meccanica per dormire, in questo gioco. Quindi, con niente di meglio da fare, mi sono avventurato nel buio.

Non sapevo che uno dei nemici principali di questo gioco è... la sete. La mia barra della sete si esauriva ad una velocità impressionante e, con mia grande sorpresa, il mio personaggio tossiva e soffocava come se avesse appena finito di correre una maratona. Dopo aver bagato per un po', mi sono imbattuto in un gruppo di piante esotiche simili a cactus. C'era acqua al loro interno? Non proprio, purtroppo, il mio machete non poteva far nulla con esse. Così sono passato. Ho camminato lungo la scogliera per avere una visione migliore dell'ambiente, ed ho notato alcune luci blu in lontananza. Blu significa acqua, giusto? Be', forse.
Ad ogni modo, ho camminato attraverso la foresta, un viaggio che è stato interrotto da un forte rumore in piena espansione; il grande portale che era in cielo si è aperto ed è uscito qualcosa che sembrava una nave aliena, poi si è richiuso. Questo poteva non essere un buon segno, così ho continuato il mio cammino verso le luci blu. Be', erano dei funghi. Grandi ed incandescenti funghi blu. Proprio mentre stavo per arrabbiarmi, mi sono voltato ed ho visto un piccolo stagno nelle vicinanze, ho avuto successo. Sono saltato in acqua, pronto a placare la mia sete... ma non potevo perché lo stagno, in sé, era strano, per non dire altro. Potevo tecnicamente morire di sete, ironicamente proprio mentre ero in piedi in mezzo all'acqua. Il sole ricominciava a salire, mentre facevo ritorno alla mia capanna, pensando a cosa fare dopo. Forse taglierò ancora un po' di bambù per costruire una casa più grande. O qualcos'altro.

Fonte: gtogg.com

Stanchi di Fallout 4? Sì, lo so, è poco probabile, perché il mondo di questo gioco è enorme e coinvolgente, ed è improbabile che vi annoiate in esso per i prossimi 1000 anni o giù di lì, ma se siete in vena di un nuovo gioco d'avventura sci-fi open-world, date un'occhiata a Vortex: The Gateway, ambientato su un pianeta alieno, misterioso ed ostile.

Dal comunicato stampa:

Vortex: The Gateway è un gioco horror open-world di sopravvivenza con due modalità di gioco. A causa di un misterioso vortice dimensionale, vi troverete su un pianeta alieno. Dovete esplorare, adattarvi, costruire e lottare per sopravvivere. Dovrete affrontare i pericoli del pianeta in diversi momenti della giornata, con cambiamenti di temperatura, la fame e la sete. È possibile esplorare luoghi spettacolari e pericolosi, dove sarete sempre una preda per le specie locali. Se vorrete sopravvivere, dovrete essere attenti, nascosti, costruire e combattere. Nel frattempo la vita sul pianeta cambia drasticamente. Cosa cambia? Otterrete bit d'informazioni attraverso la vostra avventura nella modalità storia. Forse potrete anche tornare a casa...

Nella modalità sopravvivenza dovrete prendervi cura del vostro amico Mike, che ha riportato un grave infortunio alla gamba. Bisogna tenerlo in vita e proteggerlo dai pericoli dell'isola. Gli alieni pericolosi sentono la sua debolezza e cercheranno di dargli la caccia. Non permettete che abbiano successo. Costruite e raccogliete risorse di giorno, pianificate la vostra strategia per contrastare gli attaccanti di notte. Man mano che passano i gorni potrebbero arrivarne sempre di più.

Caratteristiche:

Modalità storia: fuggire dall'isola.

Modalità sopravvivenza: proteggere se stessi ed il vostro amico ferito, in un'isola aliena eterogenea e completamente esplorabile, con un'atmosfera unica, grafica e scenari emblematici.

Ambiente non generato automaticamente, ogni luogo è stato progettato a mano, con un ciclo dinamico giorno-notte.

Sistema di crafting: raccolta delle risorse per realizzare oggetti, combinato ad un sistema di costruzione: rifugi, recinzioni, stoccaggio, fuoco, etc.

Aspetti di sopravvivenza: fame, sete, resistenza, salute, variazioni di temperatura, nascondigli.

Fauna: più di 30 tipi di animali inncocui e pericolosi da cacciare, per ottenere cibo e acqua.

Per alcuni elementi della storia sono già disponibili una musica d'atmosfera e dei suoni.

Fonte: dreadcentral.com

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn


Condividi questa pagina di GC Recensioni

Submit to DeliciousSubmit to DiggSubmit to Stumbleupon