Game Community Network

  

 

 

"In verità vi dico: se non vi convertirete e non diventerete come i bambini, non entrerete nel regno dei cieli." Matteo 18, 3

In Internet si può trovare un buon numero di siti web per "videogiocatori cristiani". Le forme e le modalità con cui appassionati di videogiochi non disdegnano di proclamare la loro fede sono molteplici; in questi siti, talvolta, sono presenti anche dei forum. Se qualcuno di voi, però, provasse a fare una ricerca, noterebbe che quasi tutti sono in lingua inglese. Per quanto riguarda il panorama videoludico italiano, infatti, ben pochi giocatori amano definirsi pubblicamente "Cristiani". Anzi, la maggior parte dei "profili" di un buon numero di appassionati di videogiochi, si compiace di tematiche appartenenti al "lato oscuro", con simboli, frasi, citazioni, modi d'esprimersi, etc. Questo è sotto gli occhi di tutti. Perché, dunque, un giocatore non può essere felice di dirsi "Cristiano"? Game Community tenterà di fare qualcosa in merito, nel suo piccolo. È infatti in preparazione il sito GC = Gesù Cristo, che sarà un social network per videogiocatori Cristiani. Gesù è il Signore! Lode e gloria a Te, Signore Gesù!

 

Menù principale





Piattaforme: Wii, Nintendo DS

Sviluppatore: Sonic Team

Genere: Platform

Data di uscita: 12 Novembre 2010

Modalità: Single player, multiplayer

Supporto per il controller: Sì

E' strano pensare che nello stesso anno in cui Sega ha lanciato un gioco di Sonic the Hedgehog tradizionale in 2D, dando finalmente ai fan quello che volevano, è stato annunciato un gioco per Wii sulla scia dei titoli "moderni" ed indesiderabili, che però ha catturato l'entusiasmo dei fan. Sonic Colors, nonostante la sua caratteristica "3D", focalizzato sulla narrazione, gli espedienti e nuvi e colorati amici, ha in qualche modo convinto tutti che questo è il leggendario "ritorno in forma" che i fan di Sonic stavano aspettando.

In un primo momento, Sonic Colors sembra finalmente aver fatto tutto bene. Prendendo il divertimento ed i livelli veloci di Sonic Unleashed e lasciandosi alle spalle il triste non senso "Werehog", Sonic Colors all'inizio ha un potente ed emozionante fascino. Riesce veramente a convincere che Sonic è finalmente sistemato. Poi vengono i lag dei controlli, gli attacchi non funzionanti, le morti dovute alle cadute e sezioni platform in 2D non ben presentate, e si potrebbe pensare che tutto ciò sia stato messo insieme piuttosto male. Poi ti accorgi che in Sonic Colors ci sono gli stessi vecchi problemi, in un pacchetto nuovo di zecca.

Il semplice fatto della questione è che Sonic Colors è progettato terribilmente. La struttura dei livelli è atroce, mettendo l'accento sulle morti a buon mercato dovute alle cadute, invece di offrire una vera e propria sfida, e le varie sezioni platform si scontrano molto con la fisica del gioco. In Sonic Colors ci sono dei problemi che hanno afflitto la serie di Sonic Adventure per Dreamcast, confermando una volta per tutte che Sonic Team, semplicemente, non ha la minima idea di cosa sia sbagliato nei suoi giochi. Questo è aggravato dal fatto che Sonic Colors cerca di essere due giochi contemporaneamente, nonostante il fatto che non sia abbastanza versatile per fare questo. Il motore, semplicemente, non è in grado di eseguire bene sia le corse in 3D sia le sezioni platform in 2D, ed i problematici controlli di Sonic in queste ultime sezioni dimostrano questo fatto più e più volte. Sonic galleggia stranamente in aria ad ogni salto, rendendo quasi impossibile effettuare atterraggi precisi. I salti mostrano un'eccessiva inerzia a cui non ci si abitua mai abbastanza, rendendo queste cose come dei lag e scomode.

Prima di tutto, non usate il telecomando della Wii. Questo gioco richiede un Classic Controller per iniziare ad essere piacevole. In secondo luogo, qualunque sia il controller che utilizzate, la struttura è assurda. Per esempio, è necessario usare molto il doppio salto, ma se si esegue quando c'è un attacco a ricerca nelle vicinanze, si sfreccia contro il proiettile. A volte questo può essere problematico, soprattutto nelle sezioni in cui la telecamera effettua uno zoom, al punto che tutta la grafica appare come una macchia di fango, e non si sa nemmeno dove sia Sonic, per non parlare dell'attraversamento delle reti di piattaforme mobili. A volte, il gioco sembra richiedere solo della fortuna per progredire.

Ci sono anche delle sezioni in cui Sonic deve comprimersi rapidamente da sinistra a destra, mentre corre lungo un percorso. Queste erano le mie preferite in Sonic Unleashed, soprattutto perchè si i movimenti di Sonic si effettuavano con i trigger destro e sinistro, il che sembrava piuttosto soddisfacente. Non è così in Sonic Colors, anche con il Classic Controller. Invece, bisogna spostare lo stick di movimento a destra e a sinistra, mentre lo spingete ancora in avanti, per effettuare tutto ciò. Vi lascio indovinare quanto questo si senta grande.

Fortunatamente, il gioco presenta alcuni momenti piacevoli grazie ai Wisp. Di solito, gli espedienti di Sonic sono la parte peggiore dei suoi giochi, ma almeno le ciocche di Sonic hanno un qualche merito grazie ad essi. Alcuni piccoli alieni sono utilizzati dal Dr. Eggman per arricchire il suo parco a tema intergalattico e, una volta liberati, essi conferiscono a Sonic una moltitudine di abilità speciali. I Wisp bianchi gli danno l'abilità Dash, i Wisp arancioni lo trasformano in un razzo ed i Wisp viola cambiano Sonic in fauci giganti che vogliono mordere tutto a morte. Queste abilità aliene sono legittimamente divertenti da usare, anche per via del fatto che le varie trasformazioni di Sonic sono abbastanza uniche e, a volte, anche belle.

I Wisp non sono sempre obbligatori per il completamento di un livello, ma possono aprire nuove strade al fine di raccogliere più anelli, trovare scorciatoie o raccogliere gettoni rossi per le fasi sbloccabili. Naturalmente, a volte la velocità alla quale il gioco si muove fa mancare delle opportunità di raccogliere i Wisp troppo facilmente, e sembra che Sonic Team si aspetti che i livelli vengano rigiocati più e più volte per imparare dove siano. Purtroppo, i livelli divertenti sono così pochi che sarete arrabbiati di aver giocato alla maggior parte dei livelli anche una sola volta, per non parlare di più volte.

La parte frustrante è che, a volte, Sonic Colors mostra veramente dei lampi di brillantezza. Molti dei livelli iniziali sono fantastici, con un mix pefetto di velocità e sfida. Quando un livello funziona, funziona davvero, ed alcuni dei combattimenti contro i boss sono unici ed intelligenti, rispetto ai soliti giochi di Sonic. La storia del gioco è anche abbastanza tollerabile, e Sonic sembra aver avuto un mutamento di personalità, dato che ora sta diventando uno stupidotto affabile con un terribile senso dell'umorismo. Il suo nuovo doppiatore e questo divertente cambiamento della personalità, rendono il riccio molto più divertente rispetto al tipo tosto che abbiamo visto in passato. Le battute non sempre funzionano, ma la narrazione è notevolmente migliorata rispetto ai giochi precedenti.

Sembra, tuttavia, che più la serie va avanti e più le ispirazioni cedono il passo ad una costruzione sciatta, a cui abbiamo assistito una dozzina di volte in passato. Anche quando un livello inizia brillantemente, il gioco trova invariabilmente un modo per rovinare tutto, come ad esempio una trappola ambientale che non è stata posizionata correttamente, oppure una fetta di gameplay che forza a ripetere la partita perché si fanno errori e tentativi. A suo merito, Sonic Colors tenta di frenare la frustrazione nelle sezioni platform, perché vengono fatti lampeggiare dei segnali di avvertimento prima di una zona di salti, ma questi avvertimenti sono così vaghi ed appaiono così all'improvviso che potrebbero anche non esserci.

L'idea dei Wisp è abbastanza carina e divertente, è presente in tutto il gioco e c'è una manciata di tappe ben realizzate, ma il resto del gioco non offre assolutamente nulla a cui abbiate già giocato in Sonic Unleashed o qualsiasi altro gioco di Sonic in 3D rilasciato negli ultimi dieci anni. I problemi sono esattamente gli stessi, i livelli scadenti sono brutti come sempre e le morti dovute alle trappole sono presenti in abbondanza. Sonic 4 aveva i suoi problemi, ma almeno era un miglioramento. Sonic Colors si sente come un passo indietro della serie, per quanto riguarda gli ultimi dieci anni.

Fonte: destructoid.com

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn


Condividi questa pagina di GC Recensioni

Submit to DeliciousSubmit to DiggSubmit to Stumbleupon